Benvenuti sul sito ufficiale di Is.I.V.I. Istituto Italiano di Valutazione Immobiliare
  • Home
  • /Notizie
  • /Valutazione Immobiliare: Is.I.V.I. promuove “Secondo Ciclo di Incontri di Formazione e Condivisione Pratica-Operativa”

Valutazione Immobiliare: Is.I.V.I. promuove “Secondo Ciclo di Incontri di Formazione e Condivisione Pratica-Operativa”

Dopo il successo della prima edizione nella stagione primaverile, si ripete il Ciclo di Incontri di Formazione e Condivisione Pratica-Operativa in Tema di Valutazione Immobiliare” organizzato e promosso da Is.I.V.I. – Istituto Italiano di Valutazione Immobiliare presso la propria sede operativa di MilanoCreazione di un gruppo di pari” che si possano confrontare con le problematiche emergenti in tema di valutazione immobiliare, accanto alla preparazione all’ottenimento del titolo REV (Recognised European Value) e all’esecuzione di una qualsiasi valutazione secondo gli EVS (European Valuation Standard), sono gli obiettivi.

Il ciclo, della durata complessiva di 4 giorni a svolgimento mattutino (9.30/13.30) o pomeridiano (15.00/19.00), si svolgerà tra il 20 ottobre e il 16 novembre nelle giornate di giovedì e venerdì e ogni ora d’incontro corrisponderà a un credito formativoTematiche approfondite saranno “Definizione di Valore e Redazione della Relazione di Valutazione”“Metodo Reddituale e Flussi di Cassa” “Metodo della Trasformazione”. Il ciclo d’incontri sarà ripetuto almeno due volte l’anno (marzo-aprile / ottobre-novembre).

“La formazione – dichiara Elena Delsignore, Valutatore REV e Partner de IL PUNTO/CORFAC Inter. – svolge oggi un ruolo fondamentale e il ciclo d’incontri ha come sua finalità formare esperti valutatori, in grado di condurre un’analisi immobiliare dettagliata e completa di qualsiasi tipologia d’immobile secondo gli standard europei, sia esso semplice o complesso, e di affrontare eventuali problematiche derivanti.

La crisi finanziaria, la globalizzazione dei mercati e i sistemi bancari e OICR richiedono attualmente in materia di valutazioni immobiliari l’integrazione delle norme deontologiche europee e l’applicazione di standard comuni -E.V.S.-, ai fini di armonizzare la prassi commerciale estimativa e determinare una maggiore trasparenza e qualità, una tutela crescente degli investitori e una diminuzione del rischio.”

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*