Benvenuti sul sito ufficiale di Is.I.V.I. Istituto Italiano di Valutazione Immobiliare

Chi siamo

L’Istituto Italiano di Valutazione Immobiliare (IsIVI) è un’associazione, senza fini di lucro nata nel 1999, che raccoglie i valutatori immobiliari ed esperti indipendenti dei fondi immobiliari.

L’IsIVI coopera formalmente da tempo con l’OSMI – Borsa Immobiliare, Azienda autonoma della Camera di Commercio di Milano e con l’Appraisal Institute, associazione leader negli Stati Uniti d’America.

Qualificato, dotato di adeguata esperienza, qualificato e riconosciuto ai sensi degli EVS, valuterà gli immobili secondo standards comuni europei, rispettando comuni norme deontologiche e soprattutto sarà assicurato contro i danni che potranno derivare da valutazioni immobiliari errate.

L’Istituto Italiano di Valutazione Immobiliare (IsIVI), che rappresenta l’Italia nella principale associazione europea del settore, la TEGoVA[1], cerca di colmare un ritardo accumulato dal nostro Paese e cerca di far effettuare nel prossimo futuro in Italia le valutazioni immobiliari in modo similare a come vengono ed a come verranno effettuate negli altri Paesi europei.

[1] The European Group of Valuers’ Associations ( www.tegova.org ) e’ costituita da 63 organizzazioni di valutatori , di 34 diverse nazioni. Tra i quali il prestigioso Royal Insitute of Chartered Surveyors (RICS) britannico.

La crisi finanziaria, la globalizzazione dei mercati, i sempre più rilevanti interessi bancari e finanziari anche di natura internazionale, oltre che richiedere una necessaria armonizzazione delle metodologie e delle procedure di stima a livello europeo, impone un’effettiva opera di orientamento dei processi di valutazione verso modelli di trasparenza, qualità e nuova professionalità.

Tale necessità emerge anche dai principi indicati dall’UN-ECE per un mercato immobiliare sostenibile, si veda: http://www.unece.org/hlm/wpla/rem/documents/policy.framework.signed.pdf

Tra gli effetti la diminuzione del rischio, la tutela dei risparmiatori, maggiore trasparenza.

Si avrebbe così un’armonizzazione dei processi valutativi che, oltre a determinare un evidente salto di qualità, potrebbe aprire ulteriormente il nostro mercato agli investitori stranieri; un più elevato livello qualitativo nella valutazione degli immobili, diminuirebbe il rischio degli istituti finanziari, dei sottoscrittori di fondi, degli investitori e in generale potrebbe tutelare, vista la diffusione della proprietà immobiliare in Italia, il singolo cittadino. Fra gli effetti ampi e complessi, anche difficilmente prevedibili per la rilevanza del patrimonio immobiliare, pubblico, aziendale e privato, vi è certamente quello di una maggiore trasparenza del mercato.

Gli standards europei di valutazione della TEGoVA (EVS2009), si riferiscono a qualsivoglia transazione immobiliare e possono essere scaricabili via internet http://www.tegova.org. Si ricorda che gli EVS2003 sono stati tradotti in Italiano a cura anche dell’OSMI e del Politecnico di Milano, in persona del Prof. Sergio Mattia, ordinario di estimo e vice-presidente IsIVI.

In Italia, l’IsIVI si propone di mettere in atto le stesse cose che si fanno negli altri Paesi:

  • rendere responsabile il valutatore del proprio operato di fronte al proprio committente e, se del caso, al pubblico risparmio;
  • qualificare il valutatore e l’esperto indipendente dei fondi immobiliari, ai sensi degli EVS e, se richiesto, degli USPAP americani;
  • richiedere una normativa più dettagliata e cogente per la valutazione, in armonia con gli EVS ovvero con standard nazionali ancora più severi;
  • agevolare la trasparenza dei prodotti finanziari correlati all’immobiliare tramite anche il Property and Market Rating;
  • definire delle linee guida per il valutatore immobiliare italiano più in dettaglio rispetto a quelle internazionali;
  • integrare le norme deontologiche europee ed italiane;
  • definire il quadro assicurativo nel quale potrà operare il valutatore.

La integrazione delle norme deontologiche europee e l‘applicazione di standards comuni nel quale potrà operare il valutatore certificato, sono obiettivi che l’IsIVI intende promuovere al fine di consolidare un mercato immobiliare Europeo trasparente. In tale contesto, l’IsIVI definirà, inoltre, il quadro assicurativo nel quale il valutatore immobiliare certificato in Italia andrà ad operare. L’assicurazione dei valutatori immobiliari è richiesta dallo Statuto della TEGoVA a tutte le organizzazioni membro. Per il nostro Paese sarà un fatto profondamente innovativo, che influenzerà da vicino anche il semplice privato, per i riflessi economici immediati che comporta. Il soci IsIVI può richiedere l’applicazione della convezione con i Lloyd’s di Londra.

Per noi, forse per il nostro Paese, e’ una scommessa.

Come forse e’ una scommessa per l’Italia, stare al passo con l’Europa.

Il presidente IsIVI

Dott. Ing. Enrico Campagnoli

Is.I.V.I. è membro di:
tegova


Come contattarci: sede legale

Via Lanzone 7 20123 – Milano

tel. + 39 02 89451141 fax + 39 02 8057446

email: isivi@isivi.it

Come contattarci: sede amministrativa

Via delle Corse 62 39012 – Merano

tel. + 39 0473 236257 fax + 39 0473 231296

Rappresentanze locali

Osservatorio sul Mercato Immobiliare Poliba Center for Real Estate Segreteria DICATECh via Orabona 4 70122 – Bari

Galleria di Corso Garibaldi 12/15 16043 – Chiavari (GE)

Via Nazionale 243 00184 – Roma